Arabella e la pratica della dolcezza

Si dice che il tempo non abbia figli
e che siamo solamente il prodotto delle occasioni.
Che si viva ognuno per scene diverse
passando di vedetta in vedetta.
Mi chiedo Arabella,
perchè la tua ambizione di non morire
si sia fermata a questo punto della sera
Del resto fosti tu a dire
che il destino dei muri è cadere,
come se cadere non riguardasse anche te
Talvolta nel chiarimento
penso a quel che facesti della tua educazione.
A quella fiera delle discussioni
che mi diedero la parte dell’indovino triste.
In realtà mi è sempre stato difficile spiegarti
dove fossero i tuoi mali
Forse perchè mi hai sempre parlato la lingua morta del ricordo
e il presente è l’ombra che ci raduna
e rende l’un l’altro indifferenti
Avevi ragione però nel dire
che ciò che è bello non deve necessariamente essere vero

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...